L’ammodernamento del digestore presso un impianto di trattamento delle acque reflue ha fornito maggiore capacità e migliorato l'efficienza dell'impianto

 
Per l’ammodernamento di uno dei propri impianti di trattamento delle acque reflue, KASSELWASSER desiderava un trasmettitore flessibile e resistente per l'installazione. Per l'applicazione è stato identificato il trasmettitore universale PR 4116, e i risultati sono stati talmente soddisfacenti che è ora utilizzato come standard onsite.

 

KASSELWASSER, in Germania, fornisce servizi idrici e di trattamento delle acque reflue alla città di Kassel e in alcune delle aree cittadine circostanti. L'impianto progetta, costruisce e gestisce l'erogazione e la depurazione di acqua potabile, occupandosi anche del trattamento delle acque reflue, nonché della manutenzione strutturale e del funzionamento degli equipment.

 

Durante l’ammodernamento di uno degli impianti di trattamento delle acque reflue, nel luglio 2012, si è deciso di sostituire due vecchi digestori con un nuovo digestore da 7.500 m³ di capacità. Contemporaneamente, sono state rinnovate le tecnologie elettriche, di strumentazione e di controllo.

 

Il nuovo digestore è illustrato a sinistra. Foto tratta da www.kasselwasser.de

 

I due serbatoi di digestione più piccoli avevano raggiunto il proprio limite di capacità ed era necessario sostituirli. Per l'installazione, KASSELWASSER ha identificato i trasmettitori universali PR 4116 per la misurazione dell'input di stato dalle valvole e per l'alimentazione dei trasmettitori di pressione e flusso nei serbatoi. La resistenza del modello 4116 e la sua capacità di offrire un input attivo/passivo erano di grande importanza per questa applicazione. Il 4116 ha prontamente dimostrato la sua rispondenza ai requisiti richiesti, divenendo in seguito lo standard onsite.

 

I parametri operativi sono modificabili per adattarsi a qualsiasi applicazione

Secondo il Sig. Müller di KASSELWASSER i vantaggi della scelta del modello 4116 come standard permanente onsite sono molteplici:

 

"Disporre di un simile standard è una scelta ottimale. I trasmettitori sono semplici da installare e gestire attraverso il frontalino di programmazione 4501: tutti i membri del team lo conoscono e sanno come metterlo in funzione", ha affermato, proseguendo: "E, altrettanto importante, i parametri operativi sono modificabili per adattarsi a tutte le nostre applicazioni. In questo modo abbiamo bisogno di meno unità per gestire molte applicazioni. Riusciamo così a ridurre il numero di moduli necessari per eseguire e mantenere i nostri processi".

 

Un'elevata disponibilità del sistema è importante

Aldilà della flessibilità, il modello 4116 ha stupito il team di manutenzione anche in termini di prestazioni:

 

"In base alla nostra esperienza, il 4116 è un dispositivo molto stabile. Poiché il nostro obiettivo principale è quello di ottenere un'elevata disponibilità del sistema, soddisfa le nostre aspettative in termini di qualità", ha aggiunto il Sig. Müller.

 

Il nuovo digestore sarà messo in funzione a novembre 2014. La nuova installazione ha fornito maggiore capacità e migliorato l'efficienza dell'impianto.

 

Hai trovato utili queste informazioni?

 

Dai una valutazione